Il Codice degli appalti pubblici e’ prorogato

wpid-11702_app.jpg

Il Consiglio dei Ministri ha prorogato con decreto legge l’entrata in vigore delle disposizioni del codice degli appalti pubblici in materia di qualificazione delle imprese esecutrici di contratti pubblici di lavori e di garanzia globale di esecuzione.

È dunque prevista una proroga di 180 giorni (a dicembre 2012) in tema di qualificazione delle imprese esecutrici di contratti pubblici di lavori e un rinvio di un anno (a giugno 2013) per le garanzie globali di esecuzione.

Si consente così alle stazioni appaltanti – si legge nel comunicato di palazzo Chigi – di terminare l’emissione dei certificati di esecuzione dei lavori eseguiti, evitando il blocco del mercato degli appalti.

Intanto, entro i 180 giorni di proroga, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dovrà provvedere a stabilire modalità semplificate per la riemissione dei certificati di esecuzione dei lavori attraverso un apposito decreto. Mentre entro giugno 2013 dovrà essere messo a punto il nuovo sistema di garanzia globale di esecuzione, obbligatoria per le grandi opere.

O.O.

 

Copyright © - Riproduzione riservata