Edilizia: Istat, 2006 anno nero per la creazione di nuove imprese | Edilone.it

Edilizia: Istat, 2006 anno nero per la creazione di nuove imprese

wpid-costruzioni_01.jpg
image_pdf

Sono proprio le Costruzioni, insieme al settore degli altri servizi da sempre caratterizzati da tassi superiori alla media generale, a segnare una netta diminuzione delle nascite rispetto al 2005 ed a far segnare una decrescita generale.

Nel 2006, di nuove imprese, ne sono nate in Italia poco più di 284.000, circa 24.000 in meno rispetto all’anno precedente (-7,8%). Questo tasso di natalità del 7,1% mostra un’inversione di tendenza nel fenomeno di entrata sul mercato e registra il valore più basso degli ultimi 6 anni (dal 2001), coinvolgendo tutte le Regioni italiane.

A questo dato generale, reso noto dall’Istat, si aggiunga che nel 2005 sono cessate, invece, circa 298.000 imprese, 16.000 unità in più rispetto al 2004, con un tasso di mortalità medio annuo del 7,5% (era 7,3% nel 2004).

Al già menzionato dato per i settori delle Costruzioni (9,1%) e del Commercio (7,7%), che presentano un tasso di mortalità sopra la media annua, si affianca quello dei settori dell’Industria in senso stretto e degli Altri servizi, il cui tasso di mortalità rimane sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente.

L’aumento dei tassi di mortalità imprenditoriale è quindi un dato generale per tutti i settori di attività economica, pur non presentandosi rilevanti differenze rispetto all’anno precedente. Continua, infatti, ad essere elevata la mortalità nell’ambito dell’industria del Tessile e abbigliamento (9,8%), delle Costruzioni (9,1%) e delle Poste e telecomunicazioni (16,3%).

Si presentano, invece in calo, i tassi di mortalità dei settori delle Industrie conciarie, prodotti in cuoio, pelle e similari (7,9% rispetto all’8,3% del 2004), dell’Intermediazione monetaria e finanziaria (6,2% rispetto al 6,7% del 2004) e del settore delle Attività ausiliarie dell’intermediazione finanziaria (che passa dal 9,4% del 2004 all’8,2% del 2005).

Da un punto di vista territoriale, sono le regioni del Centro e del Sud e Isole ad essere caratterizzate da un più elevato ricambio nel ciclo di vita delle imprese.

Copyright © - Riproduzione riservata
Edilizia: Istat, 2006 anno nero per la creazione di nuove imprese Edilone.it