Edilizia in Puglia, Ance e Anci insieme per il rilancio del settore | Edilone.it

Edilizia in Puglia, Ance e Anci insieme per il rilancio del settore

Siglati due protocolli d'intesa per il rilancio dell'edilizia nel territorio pugliese. Al centro dell'azione i finanziamenti europei e nazionali e la sburocratizzazione del sistema

La firma dei due protocolli d'intesa per il rilancio dell'edilizia in Puglia tra Ance Bari e Bat, Ance Foggia e Anci
La firma dei due protocolli d'intesa per il rilancio dell'edilizia in Puglia tra Ance Bari e Bat, Ance Foggia e Anci
image_pdf

 

Sburocratizzazione delle procedure e sostegno al monitoraggio delle risorse finanziarie a disposizione. Sono questi gli assi su cui si muovono i protocolli d’intesa firmati il 22 maggio 2015 da Anci Puglia, Ance Bari e Bat e Ance Foggia per il rilancio dell’edilizia nel territorio pugliese.

Per la Puglia, nella programmazione 2014-20120, tra fondi strutturali europei e risorse nazionali del Fondo Sviluppo e Coesione, sono previsti circa 12 miliardi di euro di investimenti. Dopo 7 anni di crisi del settore delle costruzioni e di calo degli investimenti degli enti locali occorre invertire la tendenza attraverso un nuovo percorso di ripresa, in cui tutti gli attori possano lavorare per riproporre una moderna stagione di opportunità.

Proprio in quest’ottica si muove l’accordo siglato in Puglia, che mirerà proprio a monitorare le risorse europee disponibili e, su un fronte parallelo, a porre delle soluzioni alle criticità burocratiche che ritardano la cantierizzazione delle opere.

“Le città sono al centro della ripresa produttiva e del recupero di inclusione sociale; l’emergenza scolastica, il dissesto idrogeologico, l’emergenza abitativa, la rigenerazione delle aree degradate e la riqualificazione edilizia, rappresentano priorità strategiche per la sicurezza delle nostre comunità e per la crescita economica”, ha dichiarato Luigi Perrone, presidente Anci Puglia. “I Comuni possono e devono essere protagonisti della ripresa socio-economica, ma resta fondamentale l’esclusione dei cofinanziamenti locali dal patto di stabilità. E’ comunque importante fare rete, lavorare insieme per migliorare la capacità progettuale, servono progetti attrattivi e innovativi in grado di coniugare le risorse alle esigenze dei territori, per assicurare una proficua ricaduta sulle economie locali. Anci Puglia è disponibile ad ogni iniziativa tesa a programmare la nuova progettualità socio-economica nei territori, sollecitando i sindaci verso un nuovo percorso rivolto alla qualità e alla sostenibilità degli interventi e alla semplificazione amministrativa.”

“La firma di questo protocollo fa seguito alla ricognizione delle opere cantierabili avviata dalla nostra Associazione nei mesi sorsi”, ha commentato l’ing. Domenico De Bartolomeo, Presidente Ance Bari e Bat. “Oltre 616 milioni di euro, l’importo complessivo degli interventi segnalati dai Comuni della Città Metropolitana di Bari, di cui circa 400 milioni di euro dal solo Comune di Bari. Invece, è pari a 31 milioni di euro l’ammontare degli interventi trasmessi dai Comuni della Provincia Bat. Sono dei dati davvero significativi; siamo tra i primi in Italia ad aver avviato un celere percorso di collaborazione, in cui ci sono tutti i presupposti per una vera partnership istituzionale”.

“Questo protocollo rappresenta l’inizio di un percorso virtuoso e di un’azione comune: abbiamo l’ opportunità di promuovere su tutto il territorio della Capitanata un piano di opere utili , progetti strategici e sostenibili partendo dai progetti immediatamente cantierabili anche utilizzando gli strumenti propri del partenariato pubblico-privato”, aggiunge Gerardo Biancofiore, presidente Ance Foggia. “Con il programma 5000 cantieri l’Ance, insieme agli enti locali, ha voluto essere da stimolo nei confronti del Governo, ribadendo che è necessario investire con l’intento di sviluppare il territorio e rimettere in moto l’edilizia da sempre volano di crescita per l’economia. La sinergia tra Ance e gli enti locali servirà ad affrontare le difficoltà, ognuno per la propria sfera di competenza, ed a monitorare affinché gli organi decisionali appaltino le opere in tempi certi.”

Copyright © - Riproduzione riservata
Edilizia in Puglia, Ance e Anci insieme per il rilancio del settore Edilone.it