Decreto legge: blocco sfratti e premesse al nuovo piano nazionale ERP | Edilone.it

Decreto legge: blocco sfratti e premesse al nuovo piano nazionale ERP

wpid-ERP.jpg
image_pdf

Il Consiglio dei Ministri n. 16 del 22 settembre 2006, riunitosi a Palazzo Chigi, ha approvato, su proposta del presidente del Consiglio, Romano Prodi, del Ministro delle infrastrutture, Antonio Di Pietro, e del Ministro della solidarietà sociale, Paolo Ferrero, un decreto-legge per contenere il problema del disagio abitativo per particolari categorie di cittadini. Nelle categorie contemplate rientrano, in particolare, le famiglie con un reddito inferiore a 27 mila euro, in cui siano presenti:
– figli a carico,
– ultrasettantenti,
– malati terminali o disabili oltre il 66 per cento d’invalidità residenti nei capoluoghi di provincia con oltre 10 mila abitanti.

Per gli appartenenti a questi gruppi, gli sfratti sono sospesi fino al 30 giugno 2007.

Si tratta di una misura specifica del Governo che accoglie richieste avanzate dalle parti sociali fin dai mesi scorsi, accanto alla quale sono altresì introdotte nell’ordinamento disposizioni tese ad avviare il problema ad una soluzione più radicale, con la previsione di programmi ragionati di edilizia sovvenzionata e agevolata da parte dei Comuni e l’avvio di un tavolo di concertazione per la definizione di un piano nazionale di edilizia residenziale pubblica. Ai lavori del piano parteciperanno, oltre ai Ministeri interessati, anche rappresentanti dell’ANCI, delle Regioni, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli inquilini, delle associazioni della proprietà edilizia, delle associazioni dei costruttori edili e delle cooperative.

Copyright © - Riproduzione riservata
Decreto legge: blocco sfratti e premesse al nuovo piano nazionale ERP Edilone.it