Contratti pubblici: uniformate le soglie minime di importo | Edilone.it

Contratti pubblici: uniformate le soglie minime di importo

wpid-9595_banconote.jpg
image_pdf

Con un nuovo comunicato, il presidente dell’Avcp, Giuseppe Brienza, uniforma le soglie minime di importo per gli obblighi di comunicazione all ’Autorità dei dati  relativi ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture – settori ordinari e speciali – successivi all’acquisizione del CIG.

Il punto di partenza è la legge 106/2011 che rimodula la soglia minima per l’affidamento diretto in economia per gli appalti di servizi e forniture, uniformandola a quella dei lavori, già pari a 40.000 euro,

Che, a far data dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della citata legge di conversione, la soglia minima di importo per l’invio dei dati viene ricondotta, per i settori ordinari e speciali, al valore di 40.000 euro anche per gli appalti di servizi e forniture, così come già in precedenza stabilita in relazione agli appalti di lavori.

Inoltre, fa notare il presedente, le modalità di acquisizione dello smart CIG e del relativo carnet per microcontrattualistica e contratti esclusi, sono adeguate alla rimodulazione in parola delle soglie.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Contratti pubblici: uniformate le soglie minime di importo Edilone.it