Autorità Lavori Pubblici: nuove regole per l'accesso ai documenti | Edilone.it

Autorità Lavori Pubblici: nuove regole per l’accesso ai documenti

wpid-aut_vig_contr_lav_pub.jpg
image_pdf

Pubblicato lo scorso 29 settembre dall’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici un nuovo regolamento composto da 10 articoli e da 2 allegati contenenti gli schemi dell’istanza di accesso ai documenti amministrativi rispettivamente come richiesta di visione e come richiesta di copia.

In particolare, il “Regolamento concernente l’accesso ai documenti formati e detenuti stabilmente dall’Autorità“, è oggetto della deliberazione 10 settembre 2008 dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 228 del 29 settembre.

“La richiesta di accesso ai documenti può essere presentata da tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l’accesso”: così precisa l’articolo 2 del regolamento.

Le tipologie di documenti esclusi dall’accesso (per motivi di riservatezza, per motivi di ordine e di sicurezza pubblica e per motivi di segretezza e riservatezza dell’Autorità, nonché di tutela delle relazioni internazionali) sono elencati agli articoli 3, 4 e 5. L’articolo 6, contiene i motivi del differimento dell’accesso ai documenti amministrativi.

Modalità della richiesta di accesso
Sono esposte all’articolo 7, a norma del quale l’accesso si esercita mediante apposita istanza motivata, indirizzata all’ufficio competente, utilizzando i moduli allegati al regolamento stesso.

In caso di accoglimento della domanda di accesso, al richiedente vengono indicati l’ufficio presso cui, entro un periodo di tempo non inferiore a quindici giorni, lo stesso o persona da lui incaricata può prendere visione ed eventualmente estrarre fotocopia dei documenti, l’orario durante il quale può avvenire la consultazione ed ogni altra indicazione necessaria per potere esercitare concretamente il diritto di accesso.

L’esame dei documenti è gratuito.
Il rilascio di copia è subordinato al rimborso del costo di riproduzione, nonché ai diritti di ricerca e di visura così come determinati dall’Autorità. Su richiesta dell’interessato le copie possono essere autenticate.

Il “Regolamento concernente l’accesso ai documenti formati e detenuti stabilmente dall’Autorità” sostituisce quello pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 239, del 12 ottobre 2000, e successive modifiche ed integrazioni.

Copyright © - Riproduzione riservata
Autorità Lavori Pubblici: nuove regole per l’accesso ai documenti Edilone.it