Rifiuti: nuove norme per le eco-piazzole della raccolta differenziata | Edilone.it

Rifiuti: nuove norme per le eco-piazzole della raccolta differenziata

wpid-riciclo_01.jpg
image_pdf

Con una delibera dell’Albo nazionale gestori ambientali sono stati posti nuovi criteri e requisiti per l’iscrizione all’organismo nella categoria 1 per lo svolgimento dell’attività di gestione dei centri di raccolta (di cui al decreto del ministro dell’ambiente 8 aprile 2008, di attuazione dell’articolo 183, comma 1, lettera cc), del decreto legislativo n. 152/2006, e successive modificazioni e integrazioni.

I centri di raccolta comunali o intercomunali istituti dal decreto, recante la disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, sono costituiti da aree presidiate ed allestite ove si svolge unicamente attività di raccolta, mediante raggruppamento per frazioni omogenee per il trasporto agli impianti di recupero, trattamento e, per le frazioni non recuperabili, di smaltimento, dei rifiuti urbani e assimilati.

L’operatore che gestisce il centro di raccolta – in base al suddetto provvedimento – deve essere iscritto all’Albo nazionale gestori ambientali nella categoria 1 relativa alla raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Spetta poi al Comitato nazionale dell’Albo gestori ambientali con propria delibera, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto medesimo, definire i criteri, le modalità e i termini per la dimostrazione della idoneità tecnica e della capacità finanziaria per l’iscrizione all’Albo dei soggetti che gestiscono i centri di raccolta.

La delibera dell’organismo dispone quindi che i soggetti che intendono iscriversi all’Albo nella categoria 1 per lo svolgimento dell’attività di gestione dei centri di raccolta debbano essere iscritti al registro delle imprese o al repertorio economico amministrativo (REA). Sono tenuti a una dotazione minima di personale addetto, a dimostrare la qualificazione e l’addestramento del personale; a nominare almeno un responsabile tecnico munito di requisiti di competenza e a dimostrare il requisito di capacità finanziaria con gli importi individuati in allegato al provvedimento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rifiuti: nuove norme per le eco-piazzole della raccolta differenziata Edilone.it