Rifiuti: “Le politiche ambientali di milano all'avanguardia in europa” | Edilone.it

Rifiuti: “Le politiche ambientali di milano all'avanguardia in europa”

wpid-3322_rifiuti.jpg
image_pdf

Milano, 17 settembre 2009 – “Le politiche ambientali di Milano sono all’avanguardia in Europa. La visita della delegazione serba conferma l’interesse internazionale per una leadership tecnologica che è il risultato di un lavoro di sistema tra ricerca, impresa e istituzioni – ha dichiarato il Sindaco Letizia Moratti dopo l’incontro con il Ministro dell’Ambiente della Serbia Oliver Dulic – Le realizzazioni di Amsa e A2A nel campo del trattamento dei rifiuti, della produzione di energia, dell’abbattimento delle emissioni inquinanti, fanno scuola in Italia e in Europa. Il Termovalorizzatore Silla2 è tra i primi al mondo per abbattimento delle emissioni di ossido di azoto e acido cloridrico, ricicliamo “porta a porta” il 40% per cento dei rifiuti, abbiamo uno tra i più completi cicli integrati di trattamento esistenti al mondo”. “Milano è eccellenza in un settore chiave per le grandi sfide ambientali del pianeta, e offre un contributo decisivo alla piena applicazione del protocollo di Kyoto e al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite – ha concluso il Sindaco – Expo 2015 sarà per Milano la migliore occasione per diffondere le best practises che in questi anni la Città ha generato, e per metterle a disposizione di tutti”.

L’eccellenza di Milano nel panorama italiano ed europeo e, in particolare, la capacità di Amsa e del Gruppo a2a di essere all’avanguardia nell’innovazione scientifica e nella tutela dell’ambiente, sono state al centro della visita del Ministro dell’Ambiente della Serbia, Oliver Dulic, oggi e domani a Milano a capo di una missione istituzionale che vede, tra gli altri, il Sindaco di Nis, Milos Somonovic, il Vice Sindaco di Kraguijevac, Dorica Milovanovic e uno staff tecnico del Ministero e delle Municipalità serbe.

“Adottare il criterio della sostenibilità ambientale – ha sottolineato il Presidente Amsa, Sergio Galimberti, accogliendo La delegazione – significa per noi lavorare concretamente ad un costante miglioramento della qualità dei servizi che offriamo ai cittadini. Un impegno che si traduce nella nostra azione a favore del riciclo di materiali attraverso la raccolta differenziata e la valorizzazione del recupero di energia sotto forma di elettricità e di teleriscaldamento. Ricordo che Milano ha già raggiunto una percentuale di raccolta differenziata del 35,5%, dimostrando anche in questo modo l’impegno congiunto di istituzioni e public utilities per il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente.”

In un programma di due giorni la delegazione serba ha visitato gli impianti Amsa e del Gruppo a2a, per conoscere da vicino le modalità operative con le quali a Milano si svolgono i servizi ambientali, dal ciclo del termovalorizzatore di Silla 2 al trattamento del vetro che avviene a Muggiano, fino agli impianti per la trasformazione e il riutilizzo dei rifiuti sperimentato da Ecodeco a Corteolona.

“Quando nel 1999 Milano ha scelto la strada della termovalorizzazione – ha ricordato ancora Sergio Galimberti – si è allineata alle indicazioni del Protocollo di Kyoto, che imponeva di ridurre le emissioni di gas serra in atmosfera entro il 2008-2010, obiettivo che è stato pienamente raggiunto. La realizzazione dell’impianto di termovalorizzazione Silla 2 (attivo nel 2001) ha costituito per Milano un importante traguardo verso un futuro in cui il nostro stile di vita è sempre più compatibile con la salvaguardia del pianeta e rappresenta un impianto tecnologicamente all’avanguardia tra i più moderni e rispettosi dell’ambiente”.

La delegazione ha dedicato, infatti, particolare attenzione alla visita dell’impianto Silla 2 che, consente di produrre 375.000 megawattora/anno di energia elettrica e di produrre 62.000 megawattora/anno di calore per il riscaldamento del quartiere Gallaratese e del nuovo polo fieristico di Pero-Rho, vale a dire il consumo energetico annuo di circa 100.000 famiglie. Silla 2 gestisce 450.000 tonnellate di rifiuti all’anno che rappresentano il 60% dei rifiuti raccolti a Milano, il restante 40% è avviato alle procedure di riciclo.

Per Silla 2 sono state adottate le tecnologie più affidabili e innovative al fine di garantire il minore impatto ambientale relativamente alle emissioni in atmosfera, al rumore, ai residui solidi oltre alla riduzione del traffico veicolare.

Una particolare attenzione è stata posta anche nell’innovazione tecnologica per ridurre ulteriormente le emissioni inquinanti. Per questo nel maggio 2008 Amsa ha inaugurato l’impianto “Denox” grazie al quale è riuscita a ridurre del 60% le emissioni in atmosfera di HCI (acido cloridrico) e di NOx (ossido di carbonio) che erano comunque già al di sotto dei limiti di legge previsti dall’Unione Europea.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rifiuti: “Le politiche ambientali di milano all'avanguardia in europa” Edilone.it