Ministero Ambiente e INU partner per un laboratorio a cielo aperto in Italia per la sostenibilità | Edilone.it

Ministero Ambiente e INU partner per un laboratorio a cielo aperto in Italia per la sostenibilità

wpid-Sustenergy2.jpg
image_pdf

Sono le buone pratiche per la sostenibilità, variamente diffuse sul territorio nazionale, l’oggetto del concorso nazionale “Energia sostenibile nelle città” promosso dal Ministero dell’Ambiente e dall’Istituto Nazionale di Urbanistica, nell’ambito della campagna Energia Sostenibile per l’Europa (SEE) in Italia.
Il Ministero dell’Ambiente, dal 2006, è focal point nazionale per la campagna SEE al fine di promuovere la sostenibilità energetica ed ambientale in Italia. L’obiettivo da raggiungere, in collaborazione con l’Unione Europea, è anche quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e le parti sociali a sostenere politiche e misure (nazionali e comunitarie), in materia di uso responsabile ed “intelligente” dell’energia.

Il concorso “Energia sostenibile nelle città“, presentato lo scorso 10 marzo all’Urban Center di Milano, in partenariato con l’Istituto Nazionale di Urbanistica – dichiara Corrado Clini, direttore Generale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – sollecita Amministrazioni pubbliche e operatori privati a valorizzare processi, già avviati, di gestione sostenibile del territorio e, al contempo, invita a sperimentare innovative azioni di governo dell’ambiente naturale e costruito, finalizzate al raggiungimento, entro il 2012, degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Il traguardo di tali standard minimi sarà un buon viatico per conseguire, entro il 2020, i parametri di sostenibilità stabiliti dall’Unione Europea “.

La partnership di eccellenza tra il Ministero dell’Ambiente e l’INU si sostanzia, quindi, nella promozione di idee ed iniziative nel campo della sostenibilità energetica, applicata alla pianificazione urbanistica e al settore dell’edilizia, con l’intento di giungere ad una definizione paradigmatica della sostenibilità, intesa come unità culturale, interpretativa e fattuale, capace di stabilire un modello riconoscibile ed autonomo per azioni, interpretazioni e valutazioni.
“Il dibattito sulla sostenibilità – continua Clini – è progredito in Italia attraverso un processo plurimo di sensazioni e argomentazioni. Oggi pare destata una nuova coscienza critica, tesa a rileggere e ad affrontare, secondo una visione olistica, il rapporto delle comunità con il proprio ambiente di vita, delineando i criteri di un’architettura e un’urbanistica responsabili e instaurando un rapporto positivo con l’ambiente naturale. Ne sono prova le 6 Nomination e, soprattutto, i tre premi assoluti di categoria che i partner del Ministero dell’Ambiente – Enea, Provincia di Milano, A.G.I.R.E. Mantova – sono riusciti ad aggiudicarsi lo scorso 29 febbraio, durante la Settimana Europea dell’Energia sostenibile, in occasione della Cerimonia di consegna degli Awards 2008 a Bruxelles”.

“Premi e concorsi si sono rivelati in questi ultimi anni – commenta Federico Oliva, presidente Inu – strumenti in linea con i criteri di competitività indicati dall’Unione Europea, e idonei a far emergere le eccellenze dell’innovazione nelle forme integrate di governo del territorio. Enti Locali, Associazioni, Ong, Imprese, Istituti finanziari sono invitati a spedire all’ INU (Istituto Nazionale di Urbanistica), i loro piani e progetti “sostenibili” entro il 15 Settembre 2008“.

“I lavori selezionati in questa prima edizione – continua Oliva – mireranno a stimolare un cambiamento esemplare nella produzione e nell’utilizzo dell’energia all’interno delle comunità urbane in Italia. L’evoluzione delle regole di costruzione e gestione dei processi di trasformazione delle città, secondo modelli più sostenibili, sarà favorita dalla disseminazione di buone pratiche nella pianificazione e nella progettazione urbanistica che, attraverso il concorso, diventeranno patrimonio condiviso di molti”.

“Nelle città europee più sviluppate e popolate – asserisce Carlo Masseroli, assessore allo Sviluppo del Territorio del Comune di Milano, che ospita oggi negli spazi dell’Urban center l’Inu e il Ministero dell’Ambiente, – tutti i termini del problema ambientale sono contestualmente presenti e chiedono soluzioni equilibrate. In tal senso, l’attività concorsuale è sempre una vera e propria proposta culturale per promuovere il tema della qualità urbana e ambientale, per esplorare, ripensare e sperimentare nuove idee. Studi progettuali – conclude Masseroli – sono necessari a sostenere processi di trasformazione sostenibile nelle città per passare dall’ecologia del no all’ecologia del come.”

“La mostra allestita a Venezia, dal 12 al 15 novembre, quale specifico percorso espositivo nell’ambito di Urbanpromo, evento di marketing urbano e territoriale, promosso dall’Inu e organizzato da Urbit – afferma Stefano Stanghellini, presidente Urbit – consentirà di conoscere tutti i progetti e i piani partecipanti al concorso, dai quali si estrapolerà un Rapporto, un primo abaco di principi e regole essenziali da seguire, per coniugare la pianificazione urbanistica e la pianificazione energetica, la progettazione edilizia e il benessere ambientale, la sostenibilità economica e l’equità sociale”.
“Il clima di confronto partecipativo e di dialogo, peculiare di Urbanpromo – prosegue Stanghellini – faciliterà il Ministero dell’Ambiente nel suo percorso di attivazione di nuove partnership nell’ambito della Campagna SEE per l’Italia, coinvolgendo amministratori pubblici e imprenditori privati, ricercatori e industriali, decisori politici e operatori media, selezionato pubblico della manifestazione”.

“L’auspicio – chiosa Antonio Lumicisi, coordinatore della campagna SEE per l’Italia – è, dunque, quello di poter contare, già alla fine del 2008, un numero cospicuo di nuovi partner del Ministero dell’Ambiente per la campagna SEE, che ad oggi ne può elencare 64. Fra questi anche il Comune di Milano che accoglie in Urban Center, luogo emblema della partecipazione e del dialogo con i cittadini, la conferenza stampa di presentazione del Concorso nazionale “Energia sostenibile nelle città”, a suggello dell’intesa partenariale tra il Comune e il Ministero, sancita sin dal 2006, e confermata nel 2007 in occasione dell’iniziativa “Campagna SEE a Milano: una Citta’ Sostenibile per una Expo 2015 sostenibile”.

Criteri di selezione

I piani e i progetti presentati dovranno dimostrare l’applicazione sostenibile di diverse tecnologie e tecniche energetiche in modo efficace e coordinato all’interno delle aree urbane, al fine di conseguire significativi e misurabili riduzioni delle emissioni dei gas serra e di migliorare gli indici di qualità della vita.
Particolare attenzione dovrà essere posta a quegli elementi capaci di integrare i piani e i progetti nel contesto territoriale in cui saranno realizzati, con riguardo alle strategie di sviluppo municipale a medio termine, alle misure di mobilità sostenibile, di valorizzazione degli spazi pubblici (verde, spazi aperti, ecc.). Un altro criterio di scelta sarà la partecipazione delle donne e il coinvolgimento sociale dei cittadini, attori sempre più attivi e consapevoli del proprio ruolo di operatori della sostenibilità urbana.
Il livello di potenziale replicabilità sul territorio dei piani e dei progetti presentati sarà uno degli elementi prioritari considerati in sede di valutazione, insieme alla dimensione competitiva, basata su misure economiche atte a sviluppare nuovi sistemi di cooperazione tra pubblico/privato e a sollecitare il diretto coinvolgimento di istituti finanziari, tra cui in particolare le ESCO (Energy Service COmpanies).

Il bando prevede una partecipazione gratuita alla selezione, avendo cura di segnalare a quale sezione del concorso si intende partecipare.
La sezione A – “Metodologia” è dedicata alle linee metodologiche utilizzate nell’elaborazione di piani e progetti urbanistici ed è rivolta alla diffusione di elementi originali di natura tecnico-scientifica e socio-culturale inerenti alle specifiche finalità del concorso.
La sezione B – “Progetti Energeticamente Sostenibili” è indirizzata alla ricerca di nuove soluzioni progettuali “sostenibili” a livello edilizio ed urbano in grado di migliorare la gestione del capitale energetico delle città.

La valutazione delle candidature al Concorso sarà operata da una Commissione di esperti presieduta da Corrado Clini, Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e costituita da altri cinque membri, tra cui Federico Oliva, Presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica
Per la prima edizione del Concorso “Energia sostenibile nelle città”, il premio, sotto forma di Diploma o altro analogo riconoscimento, sarà consegnato ai vincitori nell’ambito di una cerimonia, in occasione di Urbanpromo 2008 e il progetto vincitore sarà pubblicato, per estratto, su URBANISTICA, storica rivista dell’ INU.
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Urbanistica, diffonderà la notizia dell’assegnazione del Premio presso i mezzi d’informazione, promuoverà la pubblicazione dei contenuti dei progetti vincitori presso la stampa specializzata e veicolerà i progetti vincitori nell’ambito della campagna “Energia Sostenibile per l’Europa (SEE)”.

Per altre informazioni sul concorso, consultare uno dei seguenti siti web:
http://www.urbanpromo.it/

http://www.campagnaseeitalia.it//

Scarica i documenti allegati
BandoConcorsoInuMin.Ambiente.pdf

CampagnaSEEItalia.doc

Copyright © - Riproduzione riservata
Ministero Ambiente e INU partner per un laboratorio a cielo aperto in Italia per la sostenibilità Edilone.it