In città senza l'auto... Andiamo a scuola a piedi | Edilone.it

In città senza l’auto… Andiamo a scuola a piedi

wpid-Pedibus3.jpg
image_pdf

Prossime due iniziative internazionali strettamente correlate. Il 22 Settembre 2006 è la giornata internazionale della mobilità sostenibile “In città senza la mia auto”, culmine della Settimana Europea dell’analogo tema (16 – 22 settembre 2006). Seguirà anche l’avvio della campagna internazionale ‘I walk to school’, Vado a scuola a piedi, la settimana dal 2 al 6 Ottobre, con numerose programmazioni in tante città, che coinvolgono studenti, insegnanti e genitori.

L’esigenza di un radicale ripensamento delle politiche di mobilità nei centri urbani si fa pressante, anche dietro la spinta di alcuni dati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Apat, hanno recentemente diffuso i dati di uno studio condotto tra il 2002 e il 2004, in cui si registrano più di 8.000 decessi l’anno nelle maggiori città d’Italia a causa di malattie connesse all’inquinamento dell’aria.

La soluzione più immediata ed efficace da adottare viene rintracciata nell’abbandono della propria auto a favore di mezzi non inquinanti di trasporto come quelli elettrici o il ricorso ai mezzi comuni. Anche la recente conferenza “In città senza la mia auto” svoltasi martedì 19 settembre presso la Sala delle Conferenze di Palazzo Marini, organizzata dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con Euromobility (nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile) è stata occasione per annunciare nuovi provvedimenti assunti a sostegno della mobilità sostenibile e delineare le priorità d’azione in previsione della Legge Finanziaria.

Nel quadro di queste iniziative, feste e manifestazioni pubbliche per la mobilità sostenibile, si segnala l’esperienza consolidata del Comune di Lecco che, da alcuni anni, ha attivato e reso permanente una rete di “linee” piedibus che servono quasi tutte le scuole elementari del comune. Proprio come se ci si trovasse in presenza di linee di autobus, con tanto di tessera, autista e servizio bagagli, centinaia di bambini che si recano a scuola a piedi ogni mattina, in seno a comitive accompagnate da adulti, genitori e volontari del quartiere. I gruppi percorrono itinerari stabiliti, con fermate a orari fissi ed attraversano il quartiere fino a scuola, ma a piedi.

Nella città di Lecco, sono ancora aperte le iscrizioni per gli accompagnatori che volessero offrirsi, per eguagliare le linee Piedibus dello scorso anno, quando si è riusciti a coprire con il servizio tutte le scuole elementari di Lecco, tranne i piccoli plessi di Malnago e Chiuso, per un totale di 611 bambini su venti linee di servizio. Il servizio di Pedibus è organizzato dalla «Cooperativa Eco ’86» con il sostegno dell’amministrazione comunale di Lecco. Dal 18 settembre, sono in distribuzione i moduli d’iscrizione al Piedibus, che illustrano, specie ai primini e alle loro famiglie, l’utilità pratica e il beneficio in termini di salute che deriva per i bambini.

Per questa terza edizione internazionale, ogni città adotterà iniziative specifiche coerenti con l’evento.

Copyright © - Riproduzione riservata
In città senza l’auto… Andiamo a scuola a piedi Edilone.it