Clima: Memorandum di 15 Premi Nobel a Postdam | Edilone.it

Clima: Memorandum di 15 Premi Nobel a Postdam

wpid-Ghiacci.jpg
image_pdf

Sul tema del surriscaldamento globale (nuovo allarme del secolo che urge di un’immediata soluzione per arrestare i pericolosi cambiamenti climatici in corso), si è svolto l’incontro di Potsdam del 9 e 10 ottobre. Col titolo “Global Sustainability – a Nobel Cause“, organizzato dal Potsdam-Institut für Klimafolgenforschung in collaborazione col Wwf e con il supporto del ministero federale tedesco per la formazione e la ricerca, il simposio ha visto la partecipazione dei trenta maggiori premi Nobel (tra cui Rubbia, Molina, Kohn, Hewish, Heeger ecc.) ed ha fatto il punto sulla questione.

A presiedere il Summit di Potsdam, è stata il cancelliere tedesco, Angela Merkel, che nel suo discorso ha parlato di una sfida, quella contro i cambiamenti climatici, “globale, che non può essere affrontata a livello nazionale”.

I premi Nobel hanno posto l’accento sull’urgenza di un’azione concreta da parte dei Paesi industrializzati per una “Grande trasformazione”, una sfida che si può vincere grazie ad un “contratto globale tra la Scienza e la Società”.

Gli scienziati spiegano che nel corso del nostro secolo non sarà possibile per tutti ricorrere in maniera equa all’energia perché le risorse dei combustibili fossili hanno una quantità limitata e non sono distribuiti in maniera uniforme. Bisognerà dunque, non solo ridurre drasticamente le emissioni di gas serra da parte dei paesi più ricchi, ma anche garantire pari accesso a forme di energia che siano economici, sostenibili e affidabili.
Per raggiungere una stabilizzazione climatica, il trattato post-Kyoto dovrà prevedere un aumento di temperatura massimo di 2 gradi Celsius dimezzando le emissioni di gas serra entro il 2050, un impegno massiccio e vincolante dei Paesi industrializzati a ridurre le emissioni e a sviluppare nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio e la garanzia di una sicurezza energetica.

Sono questi i principali punti del Memorandum di Potsdam, elaborato al termine del simposio. Lo stesso sarà presentato alla Conferenza Onu sui cambiamenti climatici in programma a Bali dal 3 al 14 dicembre.

Il messaggio di Potsdam parla chiaro – ha dichiarato Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia – la scienza è capace di sfidare il clima, ma è necessario agire subito a partire dalla prossima Conferenza a Bali, che non dovrà limitarsi ad essere un salotto di discussioni. La conoscenza e la tecnologia possono già da oggi mettere a disposizione uno straordinario bagaglio di azioni da attuare e di cui si è ampiamente discusso nel corso dell’evento. E’ necessaria la loro volontà politica ed economica per agire concretamente”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Clima: Memorandum di 15 Premi Nobel a Postdam Edilone.it