Biennale di Venezia – Premio di architettura Portus | Edilone.it

Biennale di Venezia – Premio di architettura Portus

wpid-waterfront01.jpg
image_pdf

Rivolto ad architetti, paesaggisti e ingegneri under 40, è stato promosso nel quadro delle iniziative di «Città – Porto» per la 10a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia e nel contesto del progetto Sensi Contemporanei.
L’iniziativa messa in campo dalla biennale di Venezia –Premio Portus- mira a creare un proficuo collegamento tra il tema delle riconversioni ambientali, nei sistemi urbani, con le intelligenze giovani e raffinate dei professionisti del settore.
Sul tema sono chiamati a confrontarsi, giovani professionisti, architetti e paesaggisti. Sette le regioni interessate con l’attenzione volta a ritrovare in ogni realtà un fronte sul mare con aree d’intervento di non più di 10 ettari.

Gli anni della ricostruzione e dello sviluppo industriale del paese in un passato anche recente, sono stati caratterizzati da uno sviluppo economico e sociale tanto rapido quanto non controllato, che hanno lasciato i segni dei propri limiti nel degrado di molte periferie urbane. Degrado rintracciabile spesso anche in vaste aree di particolare rilevanza paesaggistica, a causa di diffusi interventi turisitico-residenziali o nella collocazione di aree produttive/industriali in aree particolarmente fragili dal punto di vista ambientale, magari di straordinaria e rara bellezza.
Tali condizioni di degrado e obsolescenza sono più evidenti per lo stridente contrasto con la bellezza dei luoghi, nelle aree costiere e segnatamente in quelle delle regioni del sud ed insulari.
La questione del recupero dei “water-front” urbani di piccole, medie città è tema centrale per il rilancio economico e sociale di intere regioni, strattamente connesso con una vocazione turistica delle stesse e col tema della città-porto.
Il recupero ambientale di tali contesti può oltretutto rappresentare una straordinaria occasione di rilancio economico e culturale per un paese alla ricerca di una nuova diversa competitività

Ai giovani professionisti il compito di riflettere, proporre soluzioni suggestive ma fattibili, aprendo un dialogo costruttivo con il Ministero delle politiche per lo sviluppo e le Amministrazioni locali. A quest’ultimo spetterà invece quello di dare concretezza ai progetti proposti, affinchè diventino concreti progetti per lo sviluppo.
Le migliori proposte saranno selezionate da una giuria internazionale di alto profilo: una per regione, verranno premiate ed esposte in una mostra collettiva a Palermo nell’ambito della sezione Biennale Sud della mostra di Venezia.

Diverse le ragioni per le quali il CNAPPC – Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori – ha voluto con forza, sostenere tale iniziativa. Oltre a voler dimostrare la capacità della buona architettura di reinventare “luoghi”, conferendo ad essi una valenza non solo sociale ed estetica, ma soprattutto economica, anche quella dell’opportunità di richiamare l’attenzione del vasto pubblico sulle potenzialità che il territorio ha o avrebbe nella gestione dei paesaggi riqualificati e valorizzati; nonchè la ragione dell’obbligo politico di offrire ai giovani progettisti una possibilità concreta di mettersi in evidenza.
Da tempo il CNAPPC insiste nella politica tesa alla divulgazione del metodo del concorso di idee e di progettazione come procedura privilegiata di avviamento alla costruzione delle opere pubbliche e non. Tuttavia, la procedura richiede il rispetto di di alcune importanti qui di seguito riepilogate:
1. ridurre gli oneri di investimento dei concorrenti;
2. ridurre i costi di gestione della procedura stessa per le Amministrazioni;
3. garantire alle comunità locali una fase di valutazione più allargata, ovvero non ristretta all’ambito della giuria tecnica, prima di procedere alle scelte definitive da avviare all’appalto;
4. riconvertire sulle procedure concorsuali la “finanzia di progetto” ovvero il coinvolgimento dell’investimento privato.
Tutte le procedure del concorso saranno svolte interamente dal CNAPPC per via telematica. Il periodo stabilito per la registrazione e la trasmissione degli elaborati va dal 26 giugno al 6 luglio 2006. Premio Portus – Biennale Sud.Dialoghi su sviluppo e competitività di Gianfranco Pizzolato Bando e informazioni: www.premioportus.it

Copyright © - Riproduzione riservata
Biennale di Venezia – Premio di architettura Portus Edilone.it