A Matera prende il via il Piano Citta' | Edilone.it

A Matera prende il via il Piano Citta’

wpid-18230_materapianocitta.jpg
image_pdf

Il ministero delle Infrastrutture ha firmato la convenzione con il Comune di Matera per la realizzazione dei progetti previsti dal bando “Piano nazionale per le città” rivolto alla riqualificazione di aree urbane. Lo hanno reso noto il 27 agosto, in una conferenza stampa, il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, l’assessore regionale alle Infrastrutture, Luca Braia e l’assessore comunale all’Urbanistica, Ina Macaione.

L’investimento complessivo è di 9,678 milioni di euro di cui 8,9 a valere sul “Fondo per l’attuazione del Piano nazionale per le città” e 740 mila euro a carico del Comune di Matera. I fondi saranno destinati a investimenti nel borgo La Martella per la realizzazione di otto alloggi di edilizia pubblica, la riqualificazione del teatro-biblioteca, verde attrezzato e infrastrutture e al rione Villa Longo per la ricostruzione della scuola di via Bramante.

“La scuola di via Bramante diventerà un modello di edilizia scolastica nel Sud Italia e nel borgo La Martella completeremo gli interventi di riqualificazione già avviati con le risorse dell’accordo di programma recuperate dalla nostra amministrazione comunale all’indomani del nostro insediamento. Chiuso questo capitolo – ha affermato il sindaco Adduce – ora dobbiamo ragionare sulla complessa questione dell’edilizia scolastica a partire dalle più attuali emergenze come quella della scuola Torraca”.

L’assessore Macaione ha poi illustrato i progetti preliminari soffermandosi, in particolare, sulla ricostruzione della scuola di via Bramante. “Realizzeremo il primo edificio scolastico 2.0 del Sud Italia basato su tre vocaboli: riciclo, riuso e riduco. Le parole chiave di questo progetto sono: risparmio energetico, massimo soleggiamento, verde, tempi e costi controllabili, economicità, velocità e sostenibilità”. Previste 10 aule per la scuola elementare, 6 per la scuola media, 4 per la scuola materna, una palestra e orti urbani. Entro sei mesi dalla registrazione della convenzione dovrà essere aperto il cantiere. I lavori non dovranno durare più di 6-8 mesi. La scuola sarà dunque pronta per l’anno scolastico 2015-2016.

Copyright © - Riproduzione riservata
A Matera prende il via il Piano Citta’ Edilone.it