Allarme sfratti | Edilone.it

Allarme sfratti

wpid-9288_sfrattonegozioredditi.jpg
image_pdf

Le richieste di sfratto sono 1300. Gli iscritti alle liste di attesa per gli appartamenti di edilizia pubblica sono 9000. Gli alloggi ristrutturati che potranno essere assegnati nel 2012 sono 400.
Sono i numeri della difficile situazione che si trova ad affrontare il Comune di Bologna, non unico caso in Italia.

“L’anno prossimo non ci sarà più il fondo di contributi per l’affitto concesso dal governo, di cui al momento usufruiscono circa 6 mila famiglie. Insomma il 2012 non sarà un anno felice, o si lavora per evitare una pressione sociale o si perde l’occasione per affrontare questa crisi” ha dichiarato l’assessore comunale Riccardo Malagoli. 


E’ dunque di primaria importanza trovare una soluzione e il Comune guarda agli appartamenti sfitti nelle mani dei privati: “Dato che ci sono anche tanti appartamenti privati vuoti sul mercato, c’é bisogno di mettere insieme un piano che coinvolga le forze economiche della città, compresi i proprietari”. Anche perché nemmeno i canoni calmierati bastano più: “I costi non sono più sostenibili per le famiglie, sono calcolati su un lavoro che spesso si rischia di perdere in questo periodo”. Secondo le stime del Fimaa a Bologna e provincia l’invenduto ammonta a 300.000 metri cubi, ovvero circa 100.000 metri quadri di appartamenti.

Quindi Malagoli invia un messaggio ai proprietari: “C’é una dotazione di alloggi costruiti importante e resta da capire se la legge del mercato vale anche quando questo cala”.

A.U.

Copyright © - Riproduzione riservata
Allarme sfratti Edilone.it