Siti del circuito Teknoring


  homepage/ / / Autostrade del futuro: come costruirle nel rispetto del paesaggio

Autostrade del futuro: come costruirle nel rispetto del paesaggio

La Regione Lombardia intende seguire l'orientamento di altri Paesi europei (Svizzera e Lussemburgo capofila) ad una realizzazione delle infrastrutture in stretto legame con il loro impatto sull'architettura...

Di
Pubblicato sul Canale lavori pubblici il 10 giugno 2008

La Regione Lombardia intende seguire l'orientamento di altri Paesi europei (Svizzera e Lussemburgo capofila) ad una realizzazione delle infrastrutture in stretto legame con il loro impatto sull'architettura generale dell'ambiente. L'intenzione è stata espressa in relazione ai prossimi lavori infrastrutturali per Pedemontana Lombarda, BreBeMi, nuova tangenziale Est.

Il dato emerge dagli annunci espressi durante il quarto dei seminari "Innovazione e nuove infrastrutture autostradali: buone pratiche internazionali a confronto", organizzato da Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo e dedicato ad ambiente e paesaggio, tenuto lo scorso 5 giugno a Milano.

Sottolineata l'esigenza di uno sforzo più di carattere metodologico che economico o tecnologico, per rendere operativa questa nuova cultura, l'architetto svizzero Flora Ruchat Roncati ha parlato di un'esigenza imprescindibile di un rapporto interdisciplinare ad esempio tra architetti, ingegneri, fisici, geologi, paesaggisti proprio al momento della progettazione delle nuove infrastrutture; finanche dal momento in cui si decide il percorso che dovrà avere. Progettare subito e bene ha un costo decisamente inferiore rispetto all'intervenire su opere già compiute.

Esplicativi dell'obiettivo prefissato, alcuni fruttuosi esempi riportati. Un caso di successo, presentato dalla Roncati, è ad esempio un'autostrada di recente costruzione nella regione del Giura, ad Ovest della Svizzera: 56 chilometri di lunghezza per la cui progettazione nel 1988 fu indetto un concorso vinto dalla stessa Roncati. Tra le soluzioni proposte vent'anni fa, in particolare la scelta di disegnare le strutture necessarie per la ventilazione degli 8 tunnel esistenti in modo da integrarsi perfettamente con il paesaggio circostante. Una di queste strutture, ricoperta a verde, è oggi persino meta di scampagnate domenicali degli abitanti del luogo.

Altro esempio di nuova adattabilità tra infrastruttura e paesaggio è quello di Kirchberg, in Lussemburgo, presentato da Tilman Latz, della tedesca Latz e Partner. In un sito in cui fino all'inizio degli anni '90 esisteva una grossa infrastruttura autostradale che andava ad incidere pesantemente sul paesaggio, a partire dalla metà degli anni '90 il governo lussemburghese decise, su proposta degli architetti, di trasformare l'autostrada in una serie di strade a carreggiata e velocità ridotta, intervallate da filari di alberi, con corsie preferenziali per i mezzi pubblici. L'attuale Boulevard J.F. Kennedy, i cui lavori devono ancora essere terminati, è oggi un esempio insolito di "autostrada permeabile", nel senso che può essere attraversata dai pedoni. Inoltre, tutto il paesaggio circostante è stato ridisegnato e razionalizzato per essere fruito al meglio dagli abitanti; ai lati del boulevard si sono poi sviluppate nuove attività economiche e sono sorti nuovi edifici residenziali. Un esempio concreto di come la riconversione di un'autostrada possa favorire il paesaggio ma anche generare nuove opportunità economiche.

Il ciclo di incontri in argomento è stato organizzato da Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo, con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Milano, Ministero delle Infrastrutture; in collaborazione con Autostrada Pedemontana lombarda e MilanoSerravalle.

Per altre informazioni, consultare il sito http://www.milanomet.it/



Articoli consigliati

In evidenza


Software più scaricati

  • Easy Context Menu

    Utility Software gratuito che permette di aggiungere comandi personalizzati al menu...
  • Disk Wipe

    Utility Permette di cancellare in maniera definitiva i dati presenti in un hard disk, o anche dei...

Wolters Kluwer Italia © 2008-2014 – Partita IVA 10209790152
News In Evidenza